Archivi tag: Wolfgang Amadeus Mozart

Eroine (d’opera!) a Villa Bertelli (ultimi giorni)

Ancora fino a lunedì 31 a Villa Bertelli, con ingresso libero e orario 17-23, potrete ammirare carteggi foto e testimonianze su Giorgio Strehler, ma più emozionanti ancora mi sono parse le ricostruzioni di alcuni costumi originali da parte degli allievi del Corso di Sarti per lo spettacolo dell’Accademia Teatro alla Scala. In particolare la “primissima” Desdemona di Alfredo Edel (5 febbraio 1887), la prima Violetta milanese del 1859, le eroine pucciniane nelle vesti di Adolf Hohenstein. Le mostre sono simbiotiche in quanto la sala “strehleriana” ospita quattro abiti di rappresentazioni più recenti. Un piccolo slideshow via smartphone “no copyright infringement intended”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Cose che ho visto e che vedrò / vedrete

Il blocco dello scrittore non esiste solo per le prove di creatività, ma può interessare anche una misera blog entry. Così avrei dovuto riportarvi, se non in diretta, almeno in leggera differita le impressioni da alcune mostre che ho visitato; ciò principalmente per incoraggiarvi o meno a visitarle quando erano ancora in corso. In tre occasioni, invece, uno stato d’animo ostile alla scrittura ha avuto il sopravvento. Altro però è ancora visitabile, e dunque intendo rimediare.
COSE CHE HO VISTO
Innanzitutto, la mostra su Pontormo e Rosso, che mi sono goduto per benino profittando della benevolenza altrui, e per giunta munito di una guida d’eccezione (sosia della giovane Maria nella Visitazione, provolone dixit). Una bellissima esposizione che, reclamizzata adeguatamente, spero abbiate potuto visitare, e che dà conto dell’approccio visionario (nel Rosso, fin quasi al sacrilegio) dei due Maestri, affiancati con benevolenza da Andrea del Sarto. Assieme alle tele c’erano anche tantissimi disegni preparatori di grande fascino, alcuni dall’Albertina. Ho imparato, tra l’altro, che certi capolavori ospitati alla SS.Annunziata si possono visitare solo un giorno l’anno, il 18 ottobre (San Luca), quindi estote parati. Dinanzi alla Madonna delle Arpie di Andrea del Sarto ho avuto anche l’allucinazione (??) che il fumo nero avesse nella parte destra (tra l’angioletto che guarda in giù e la veste rossa) occhio becco e artigli di grifone, quindi pensavo che le arpie fossero lì dietro, in agguato (e invece sono o dovrebbero essere, secondo Vasari, le figure del piedistallo). Insomma ero coinvolto perfino lisergicamente e la mostra non andava lasciata passare.

arpie

Lo vedete anche voi il grifone?

Meno probabile, perché fuori dal giro e poco reclamizzata, che abbiate visto l’esposizione della collezione di Art Club a Villa Bertelli. Sono riuscito a vederla anche grazie al fatto che contestualmente, una domenica, si è tenuto un concerto di musica da camera con l’amica Giulia Maria Dori tra i protagonisti… Anche qui si è trattato di una mostra notevole, ben presentata, contenutisticamente composita: circa 70 opere di 51 protagonisti del 900, che citare per intero sarebbe impossibile; mi limito ai capolavori di Afro, Casorati, Vedova, quelli che mi hanno colpito di più.

giuliannannetti

sinestesie: Giulia e Luigi Nannetti, alle spalle Casorati Maccari etc.

Ho trovato trascurabile invece, la mostra su Pollock, almeno nella sua parte ospitata in Palazzo Vecchio (le installazioni erano in San Firenze). Due stanzette buttate lì, e tralascio le polemiche che hanno accompagnato la curatela dell’esposizione: una di un certo interesse (i disegni di studio su Michelangelo) ma tecnicamente transitoria rispetto alle fasi della dissoluzione della figura e del dripping; l’altra con una decina di tele (due assai belle: Composition with black pouring e Painting A), ma assolutamente inabile – quantitativamente e per assenza di un percorso cronologico – a restituire la complessità almeno quadrifasica del pensiero pittorico dell’Autore. La cosa migliore della mostra è stata ripercorrere gli appartamenti medicei e ammirare almeno tre capolavori: il tondo Mittler, la capella di Eleonora de’ Medici by Bronzino (toglie il fiato) e la Giuditta del Donatello che, situata nella stessa stanza in cui avevano messo lì l’edicola coi quadri, faceva un certo contrasto. Della mostra su Pollock non avrei potuto scrivere in tempo perché l’ho visitata il giorno di chiusura.
COSE CHE VEDRETE
Ho passato il ponte di Ferragosto in fair Verona, scarpinando per tre giorni e poi rifocillandomi grazie alle amorevoli e amicali cure di Angelica e Bernardo, l’amico ritrovato dai tempi di diritto amministrativo (MCMXC). Verona è bellissima e ordinata nel flusso dei turisti, non la ricordavo così affascinante. Con Firenze e altre città d’arte condivide un doppio binario: pesca al turista luccio tramite i luoghi di Giulietta (assimilabili alla casa di Dante fiorentina o alla Musikhaus viennese) e invece grandi meraviglie, tra cui senz’altro le chiese, presso le quali è notevole l’incanto non appena si fa ingresso e si percepisce la colossale ampiezza dello spazio interno rispetto alle morigerate o anguste facciate (San Lorenzo ma anche Sant’Anastasia). Gran botta di culo, sommo godimento e gran presidio di civiltà: durante la visita al Duomo ci siamo sorbiti persino l’Adagio e fuga di Mozart, grazie al fatto che c’erano le prove aperte di un concerto gratuito per Ferragosto! Ottimi poi musei e gallerie in cui alla gran parte di notevoli autori operanti soprattutto in ambito territoriale (Liberale da Verona, il Bellini, il Turchi) fanno da contraltare una presenza massiccia di toscani alla Galleria di Arte Moderna (in cui la palma della bellezza va alla Malinconia di Hayez) e due capolavori di Pisanello: la Madonna della Quaglia al museo di Castelvecchio e il San Giorgio e la Vergine in Sant’Anastasia.
Ma è chiaro che una mezza giornata della mia visita è stata dedicata alla mostra del Veronese alla Gran Guardia. Esposizione spettacolare, non foss’altro che per la portata della collazione che riguarda almeno 50 musei e chiese in ogni angolo dell’orbe terracqueo. Poi c’è l’arte del sior Caliari, sublime per colori e ricerca sulla figura. Spiccano i tondi allegorici con le virtù teologali e la giustizia per il soffitto di San Sebastiano a Venezia, le quattro allegorie d’amore della National Gallery, e altre tele (come la “torinese” cena a casa di Simone) in cui il “cromatismo” è dolce ma esasperato come nel Tristan wagneriano. La mostra prosegue fino al 5 ottobre e non la potete mancare.

veronese

Un esaltato Bob giunto al termine della mostra 🙂

COSE CHE VEDRO’
Rimedierò al mio gap comunicativo su Villa Bertelli visitando a brevissimo la mostra di sculture provenienti dagli Uffizi e anche stavolta largamente rappresentativa del ‘900. Speriamo in suo successo dacché, per quanto può valere (ma a livello di battage vale eccome), Repubblica l’ha segnalata la scorsa domenica tra le esposizioni da non perdere in Italia ed Europa!

Claudio Abbado (1933-2014)

Sull’enormità del personaggio avete già scritto tutto voi, e al meglio. Io dico una cosa personale e forse ovvia. L’ho ammirato dal vivo una sola volta, al Comunale, a prezzo in una postazione fortunata – un tizio ha scambiato il suo biglietto spettacolare col mio per poter stare accanto alla sua compagna. C’era la sua Orchestra Mozart e un programma classicissimo senza encores: la Tragica di Schubert e la 40 mozartiana. La cosa ovvia che voglio dire è che la sua lettura mozartiana dal vivo mi ha rivelato soluzioni interpretative e “minimi passaggi” nuovissimi a dispetto della mia massiccia frequentazione della sinfonia. E questo è il valore aggiunto di ogni direttore massimo: quello di trovare sempre qualcosa da aggiungere al tuo bagaglio di ascolto, nonostante la pletora di testimonianze e cimenti live e studio.
I suoi dischi cui più sono legato sono quello dei primi due concerti per pianoforte di Bartók (con Pollini e la Chicago: mi si è aperto un mondo) e, appunto, quello con le due ultime sinfonie mozartiane con la LSO – il quale, anche se giudico migliore il Karajan degli anni 50, è stato uno dei miei primi contatti col genere sinfonico.
Sit tibi terra levis, Magister.

Bassa SPONSOR lebe lange! o del “Ratto” notturno

ratto

Camarena e Rancatore nel Ratto: e che lo sponsor sovrastante e ben inquadrato vi e ci benedica!! (foto dalla cache google © Der Neue Merker)

Ho fatto notte alta, le tre e trenta per essere precisi, per vedermi la differita del Ratto dal Serraglio di Salisburgo 2013. Questa replica e la diretta sono state trasmesse da Classica e altre repliche sono in rotazione in settimana, anche in orari più circadianamente ortodossi. Avendo mancato la diretta di lunedì per motivi logistici, ho affrontato la nottata.
La testa a volte ha ondeggiato ma ho mantenuto una certa attenzione. E quel che ho visto e sentito mi è parso non certo imprescindibile. Ciò nonostante alcune voci brillanti, amplificate ma giocoforza*, vista la vastità del “palcoscenico”, che altro non è che un enorme Hangar aeroportuale. Spiccano Javier Camarena come Belmonte, l’interessante (e conturbante) Rebecca Nelsen nel ruolo di Blonde, e naturalmente la Rancatore come Costanza. Però ben presto si apprezza come ci sia poco o punto amalgama, e sin dall’ouverture una direzione musicale che non mi convince, agogicamente irrisolta e talora inaccurata, da parte di Hans Graf a capo della Camerata Salzburg.  Sanza infanzia e sanz’allodole (cit.) il Pedrillo di Thomas Ebenstein. Discorso a sé per l’icona Kurt Rydl (classe 1946) come Osmin, presenza scenica sempre bella, magnetica, ricca e divertente – in canottiera nera, canta la prima aria facendo ginnastica con una “triceps pulley” da palestra messa lì per l’occasione: risate. Però molto impreciso e fuori tempo, al limite della tollerabilità. Fuori dal cast vocale, Tobias Moretti nel ruolo attoriale di Selim mi pare un telenovelistico Palomo danubiano e con la sua umoralità scenicamente esasperata confuta la (supposta) giocosità del tutto.
Risultato incostante e, ciò che più urta, sempre con quel gusto salisburghese ormai quasi previsto – d’après il famoso Don Giovanni di Harding in lingerie firmata – di essere davanti a un gigantesco spottone in rapporto al quale l’accuratezza musicale sembra considerata un optional. Questa volta si doveva incensare la moderna perfezione dell’aeroporto salisburghese, Hangar 7 (in diesem heil’gen Hangar, titola sagacemente una recensione) e i macchinari volanti della R3d Bu11, jet privati ed elicotteri minuziosamente mostrati in finiture e arredi, logo ubiquo e sovrastante. Anche qui travolgendo qualche sforzo ermeneutico (ad esempio l’interpretazione onirica e concentrica: tutto sarebbe un sogno di Costanza spettatrice – di se stessa? – a teatro e rapita dal Palomo spettatore) del regista Adrian Marthaler.
Bah, aridadece Karl Böhm o affini.
(opinioni contrarie benvenute)
*IMPORTANTE PRECISAZIONE: Desirée Rancatore è intervenuta sulla bacheca di Enrico Stinchelli precisando che i microfoni applicati ai cantanti servivano solo per la ripresa televisiva. Dunque rettifico di buon grado.

abbadometro ok

ieri sera ho colmato una lacuna personale fastidiosa, non avere mai assistito ad una performance del Maestro. I dubbi eran tanti perché da un lato si trattava di un concerto salatissimo (1,65 € / minuto contro, per dire, lo 0,61 del rillingometro di lunedì, con tragitto peraltro ben dissestato) e soprattutto perché venivano affrontate due sinfonie – la Tragica di Schubert e la 40 di Mozart, che possono cadere in pieno nello strale gavazzeniano del “Non eseguire Beethoven”, cioè nel silenzio degli argomenti di fronte alla considerazione se l’esecuzione di alcuni capolavori della classicità possa ancora offrire qualcosa di nuovo ed interessante. Continua a leggere →

Sopravvalutazione

Viviamo in un tempo in cui la comunicazione è preponderante sul contenuto. Importa sempre meno ciò che si dice, importa sempre più quanta forza si impieghi nel dirlo e quante persone il nostro messaggio riesca a raggiungere.
Mi è capitato di fronteggiare aspramente un giovane affermato narratore che è riuscito, impresa non da poco, ad infilare tre sproloqui e mezzo in poche righe, più o meno in questo modo: «Mozart è uno dei musicisti più sopravvalutati della storia [#1 – devo commentare? Giò stai calma]; salvo solo le sonate per pianoforte [#2 – corpus a mio giudizio creativamente subordinato nell’opera omnia del sommo WAM] che solo Glenn Gould, il più grande pianista del novecento [#3 – amo Glenn, ma a mio avviso almeno Richter e Horowitz – vissuti a lungo, felicemente per loro e purtroppo per gli idolatri del mauditismo – lo sopravanzano di tre spanne], seppe rendere nella loro tragicità [#3/2; – esiste il tragico nelle sonate mozartiane? a me sembra solo nella qui malcerta interpretazione di Gould, che purtroppo le espone come se fossero una toccata di Sweelinck]».
Continua a leggere →

Ovvietà funebri

vista la penuria di diffusione della grande Musica, non voglio sottrarmi agli osanna tributati a Maurizio Pollini in occasione della sua ri-uscita televisiva in primetime (della precedente parlai qui) chez Fazio: sarebbe stupido come sparare su un rinoceronte bianco perché non vede bene da un occhio. Dico solo che asserire sbrigativamente che la Musica funebre massonica (k.477/479a) di WAM è pezzo «di tragicità incredibile, addirittura più cupo della Marcia Funebre dell’Eroica» significa trascurarne quel carattere malinconico, a volte leggero e, dopotutto, sereno come un tramonto, che erompe lungo distinti momenti della partitura. Questo splendido brano mi fa sempre pensare ai funerailles d’oltreoceano: strazio mattutino e rinfresco pomeridiano.
Ovviamente molto dipende dalla versione che si ascolta. Sapete tutti che per me HvK è il re Mida della musica: questo è uno dei pochissimi casi (1947, coi Wiener) in cui la superficie non ha reagito. Monopolizzata – si può ormai dire “pollinianamente” – dall’aspetto granitico del dolore, senza la capacità di saper squarciare le nubi.
Ma ascoltate invece la versione della Staatskapelle diretta da Schreier (1988), assaporatene la sincopata leggerezza e quel dolceamaro da cui Brahms non può non avere attinto…

the Vienna years

l’Adagio (e fuga) K.546 di Mozart, eseguito a tutta orchestra nel marzo 1947 dai Wiener Philharmoniker diretti da Karajan ha un impatto drammatico spettacolare, pienamente romantico nonostante la matrice "bachiana" della composizione. Alla faccia dei filologi ad ogni costo, vorrei dire.

Ma non lo dico. Rifletto, piuttosto su come una parte rilevante del magistero del nostro Herbie sia quella di svelare sonorità (coerenti con la sua parabola creativa ma) non strettamente sottese allo stile del compositore preso in esame, anticipatrici o meno che esse siano. Vedasi anche la resa del Preludio di Aida del 1959, quella con la Tebaldi: «Karajan – scrive Giuseppe Rossi in una sua nota discografica – esalta proprio le deviazioni della partitura dalla tradizione melodrammatica italiana sottolineando lo sfarzo della dimensione spettacolare e allo stesso tempo la sensualità di una ricercatezza timbrica che si lega ai modelli dell’opera francese e tedesca».
In un impeto di generosità, vi elargisco entrambi gli ascolti qui sotto, in ordine di apparizione.
Anni gloriosi per la storia dell’interpretazione.

SSSS (Seiji’s symphonic+sacred side)

dopo l’elektro-choc della scorsa settimana, ho agganciato online una bella galleriuzza per la serata di ieri e, pur con un po’ di stanchezza indosso, mi son recato al concerto sinfonico+sacro del nostro beniamino.
Poco da dire, un’ottima interpretazione, applauditissima e appagante. Come amavo scrivere in cartaceo: appena appena qualche intoppo sulla via dell’eccellenza.
La Jupiter è stata un po’ diesel, ma alla fine più che soddisfacente. Ozawa tende ad interpretarla soffermandosi sulla sua vitalità e complessità ritmica. Continua a leggere →