Archivi tag: Seiji Ozawa

Foxy Lady

Poche note su La piccola volpe astuta che siano soprattutto volte, per quanto mi riguarda, a familiarizzare con un’opera finora poco (altrove) o punto (a Firenze) proposta dalle itale parti.
Ieri ho assistito alle generali del Maggio e, a parte alcuni focolai virali di pubblico – adultissimo – che parlava a voce alta senza problemi (ìììì la mosca, ìììì i’granocchio, ìììììì i gorpìni, ììì la puzzola no gli’è i’tasso) l’anticipazione è stata godibile ed ha lasciato intuire le chances di una buona riuscita domani sera. Anche se forse non ci si potrà sottrarre del tutto all’adagio “senza Verdi ovver Puccini sono vuoti i cadreghini”.
Continua a leggere →

SSSS (Seiji’s symphonic+sacred side)

dopo l’elektro-choc della scorsa settimana, ho agganciato online una bella galleriuzza per la serata di ieri e, pur con un po’ di stanchezza indosso, mi son recato al concerto sinfonico+sacro del nostro beniamino.
Poco da dire, un’ottima interpretazione, applauditissima e appagante. Come amavo scrivere in cartaceo: appena appena qualche intoppo sulla via dell’eccellenza.
La Jupiter è stata un po’ diesel, ma alla fine più che soddisfacente. Ozawa tende ad interpretarla soffermandosi sulla sua vitalità e complessità ritmica. Continua a leggere →

ich trage die Last des Glückes

ossia sostengo il peso della gioia. Tragicamente bello questo verso che Hofmannsthal mette in bocca ad Elektra. Credo che la gioia sia stata il sentimento di tutti gli astanti, anche stasera. Grazie agli amici eravamo edotti della eccezionalità tecnica dell’evento, ma ciò non ha impedito il massimo coinvolgimento. Davvero una esecuzione straordinaria, e si correva il rischio di incrociare gli occhi per seguire il gesto di Ozawa insieme all’andamento scenico. L’enfant terrible ha diretto con un gesto che è l’unico forse a poter essere paragonato con quello – inarrivabile – di “Calvin” (smile) Kleiber; e per la “sua” orchestra c’è una sola parola: lussureggiante. Ma anche attenta a trovare il giusto equilibrio coi cantanti, che spesso si trovano a cantare parecchi metri indietro rispetto al golfo mistico. Continua a leggere →