Mahler, sinfonia n.6, MMF / Gatti

photo_2020-01-26_16-06-21A prescindere dalla esecuzione, notevole, la serata presentava connotati epocali. Mancavo dal teatro da due anni e mezzo e dalla sua orchestra da quasi un quinquennio! Inoltre aspettavo di poter ascoltare una sesta mahleriana da quando ero più assiduo, per esempio quando è arrivato Barenboim e ha eseguito quinta e settima (2007, mi pare)…
Edit: ho appreso che una sesta era stata diretta da Mehta nel settembre 2016 ma… come sapete, settembre per me è sinonimo di sguazzo…

Una sesta sinfonia – pensavo – che oltre a essere ex se una vetta della scrittura per orchestra di ogni tempo, ha influito come poco altro sulla musica di Berg: che, come si sa, esagerando un bel po’ la chiamava “l’unica Sesta nonostante la Pastorale” e verosimilmente vi ha trovato ispirazione per i suoi Orchesterstücke (nonché, azzardo, nel tema del destino che chiude ogni atto della Lulu).
Così venerdì notte ho preso un biglietto senza pensare troppo a pigrizia, partite, con chi andarci… la postazione molto da vicino (sesta fila), pur non avendomi fatto scorgere il problematico e proverbiale martello – né fiati ottoni e via a salire – in compenso mi ha fatto percepire un bel volume sonoro, stendere le gambe che per un lombalgico alle prese con 90′ di musica ininterrotta non è un dettaglio da poco, infine concentrare sul gesto del direttore.

Oggi sono qui a riassaporare le sensazioni e a pensare a come parlarne (se ne sono ancora in grado, se ne sono mai stato). Poche note, sperando di togliermi la ruggine via via ai prossimi concerti.

Gatti, già protagonista di molte serate al Maggio, alcune delle quali per me memorabili (Pélleas), ha dimostrato una attenzione estrema per i dettagli di una sinfonia che contrappone fragorosi spiegamenti di massa a ripiegamenti intimistici in cui moltissime prime parti sono sollecitate. In altri spunti, singoli gruppi emergono (ieri per es. grande intesa coi violoncelli nella energica parte centrale del finale).
Prendendo in esame la registrazione del 1988 di Bernstein coi Wiener e quella (2004? l’ho lasciata nel buen retiro) di Abbado coi Berliner tra i riferimenti discografici importanti, la esecuzione di ieri si avvicina molto di più alla seconda, dismettendo buona parte dell’ubiquo e corrosivo vigore di Bernstein a favore di scelte talora più. Ma non necessariamente meno liriche.

A questo proposito viene in rilievo il movimento iniziale, Allegro energico, quello più atto a essere trasfigurato (ricordo che la composizione/orchestrazione della sinfonia è 1903-1905 e la prima del 27 maggio 1906) in una meditazione sui tempi che si approssimeranno e sulla nostra stessa condizione umana. Slanci lirici incorniciati con marce soldatesche: Paolo Petazzi nelle note di sala sottolinea giustamente il legame del movimento con Revelge, e in certi passaggi sembra di sentire anticipi di passo dell’oca. Gatti richiama l’orchestra, che risponde, alla precisione ritmica e allo staccato (talora battendosi a tempo sull’indice della mano destra come fosse un legnetto giamaicano), mentre nel cd. “tema di Alma” concede amplissima cantabilità agli archi, creando così il massimo ossimoro.
Bene anche il controllo della dinamica fortissimo/pianissimo sul maggiore/minore.
Lo Scherzo è stato forse il movimento meno forte della esecuzione di ieri, essendo richiesto per la mia sensibilità un quid energetico in più, anche se i trii e in generale gli episodi più intimistici del movimento son stati restituiti in modo ottimale.
Notevolissima in toto è stata invece l’interpretazione dell’Andante moderato, dove, al contrario del tema di Alma, Gatti chiede all’orchestra che la melodia e il suo sviluppo non assumano mai slanci retorici.
Sul gigantesco Finale, che più che un movimento è un’esperienza che ti investe per mezz’ora, sconvolgente già dal carattere straniante del primo accordo, mi resta, oltre alla già citata attenzione sui singoli gruppi orchestrali, la padronanza agogica di stringendo e rallentando nei passaggi immediatamente prima dei ritorni del tema maggiore/minore.

Per tutta la sinfonia l’orchestra è stata brillantemente all’altezza dei virtuosismi, talora di sesto grado superiore, che la partitura le ha richiesto.

Non potevo sperare in un rientro migliore. Ora spero che non ripassino altri tre anni alla prossima data.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: