Ovvietà funebri

vista la penuria di diffusione della grande Musica, non voglio sottrarmi agli osanna tributati a Maurizio Pollini in occasione della sua ri-uscita televisiva in primetime (della precedente parlai qui) chez Fazio: sarebbe stupido come sparare su un rinoceronte bianco perché non vede bene da un occhio. Dico solo che asserire sbrigativamente che la Musica funebre massonica (k.477/479a) di WAM è pezzo «di tragicità incredibile, addirittura più cupo della Marcia Funebre dell’Eroica» significa trascurarne quel carattere malinconico, a volte leggero e, dopotutto, sereno come un tramonto, che erompe lungo distinti momenti della partitura. Questo splendido brano mi fa sempre pensare ai funerailles d’oltreoceano: strazio mattutino e rinfresco pomeridiano.
Ovviamente molto dipende dalla versione che si ascolta. Sapete tutti che per me HvK è il re Mida della musica: questo è uno dei pochissimi casi (1947, coi Wiener) in cui la superficie non ha reagito. Monopolizzata – si può ormai dire “pollinianamente” – dall’aspetto granitico del dolore, senza la capacità di saper squarciare le nubi.
Ma ascoltate invece la versione della Staatskapelle diretta da Schreier (1988), assaporatene la sincopata leggerezza e quel dolceamaro da cui Brahms non può non avere attinto…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...