SYNOPSIS?

A «CAVALAÌA RÜSTICANA»
I en dui che se vè ben, ma lü ir fa aposta,
Ch’i g’ha n’autra pe e man che l’ha maì;
Le, che la o sa, ‘n beo dì la ghe fa a posta,
E la ghe disa e sc-ciao: te m’è tradì.

Lü, ch’i è ‘n fantame cen de presümì,
I ve ne daghe manco de risposta;
Mentre che le la cianza, i se gh’acosta
E i ghe fa, diza: levete de chì!Aloa ven er maì, e lü i se ‘n va,
E la ghe fa a spia, da ‘r gran ghignon,
Che se mugee… de chì, de sà e de là.

Lü i mangia a fogia, e i grida: pelandron!
I me l’ha fata, ma i la pagheà!
E i t’o destenda lì come ‘n strasson.

(son due che si voglion bene, ma lui lo fa apposta / ché ha un altra per le mani, che ha marito; / lei, che lo sa, un bel dì gli fa la posta / e glielo dice, e chiaro: m’hai tradito. / Lui, che è un giovinastro pieno di presunzione, / non vuole dargli manco di risposta; / mentre lei piange, lui le si accosta / e le fa, dice: levati di qui! / Allora viene il marito, e lui se ne va, / e lei gli fa la spia, dal gran rancore, / che sua moglie… di qui di qua e di là. / Lui mangia la foglia e grida: pelandrone! / Me l’ha fatta, ma la pagherà! / E te lo stende lì come uno straccio.)

Questo sonetto dialettale spezzino (brava Cristina!!) fa parte di un libro a tiratura limitata che ho spuntato (a un ottimo prezzo: 11 euro, ora ne gira un’altra copia a 30) su ebay, Si tratta delle poesie di Ubaldo Mazzini, accompagnate da alcuni disegni inediti di Mino Maccari.
Ci deve essere un nesso tra il nome Ubaldo e la poetica dialettale. A pochi chilometri di distanza da Spezia, il più gran cultore dialettale massese si chiamava Ubaldo Bellugi. Ed ha scritto un libro di poesie in dialetto davvero spettacolare, per il quale si spesero paragoni altisonanti, scomodando perfino il Belli. Purtroppo questo libro, ormai fuori commercio, ho potuto solo sfogliarlo ma mai conseguirlo – chi ce l’ha si guarda bene dal vendermelo…

Annunci

14 Risposte

  1. Ehm… boh… a me pare bergamasco (no, non mirko, e nemmeno mauro…)…

  2. acqua…acqua…hai sbagliato di circa 250 km (distanza automobilistica).
    Stasera scrivo la traduzione, poi altri indizietti…

  3. psssst…. ho aperto un blog sulla musica classica…. http://www.mondoclassica.splinder.com... ti interessa partecipare?

  4. grigetta, ancora più acqua………. :-))

    sto per essere asfissiato da carte e cartacce qui in ufficio, stasera do un’occhiata al tuo blog

  5. ci sono: genovese. 🙂

  6. andiamo già meglio…
    diciamo che il raggio si è ridotto a 100 km circa…
    per cui fuochino…

  7. dialetto spezzino

    🙂

  8. Io avrei detto qualcosa di gallo-italico. Non credo che sia né occitano né franco-provenzale ma potrei benissimo sbagliarmi, visto che QUI A NYC NON RIESCO A TROVARE CHI MI FACCIA LEZIONI DI PIEMONTÈIS!

    Marion un po’ adirata

  9. Grande numero 8!! Hai indovinato!

  10. 🙂
    non volevo rimanere anonima, ho schiacciato invio troppo velocemente!

    la cri

  11. Auguri a numero 8!

    Trattasi, infatti, di un dialetto gallo-italico.

    Marion, non del tutto rinc*glionita (ma quasi)

  12. Ma è meraviglioso!
    Se l’avessi letto prima, avrei beccato il premio (c’era un premio, no? :-)), perché ho parenti da quelle parti.
    Ciao!

  13. il premio è il privilegio di fornirmi e cucinarmi 24-25 scampi/dì per un periodo da determinarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...