il sesso degli angeli

pochi giorni fa, graditissimi, i saluti di Parergon "in diretta" dal castello di Duino. Mi scrive che la mostra su Rilke mi sarebbe piaciuta tantissimo, dimenticando che avevo avuto occasione di andarci ad agosto per le vacanze (eccomi qua mimetizzato all’entrata).
Ben collegata in autobus a Trieste, da cui dista 10 km, Duino è un must, qualcosa che andrebbe visitato una volta l’anno. Anche per me che soffro di vertigini. E quindi rifiuto di fare il sentiero Rilke, che è una stambeccata a precipizio da cui si gode di un’ottima vista del castello dal lato sinistro.
Ma dubito che il nostro RMR dovesse avventurarsi per quelle asperità per godersi il soggiorno: una terrazza panoramica (con vista sulle rovine del precedente castello) su cui scrivere, un trionfo floreale di sconcertante bellezza, una agevole discesa agli scogli dal belvedere. Qualche verso, magari una serale bottarella alla adorante nobildonna di turno, e la giornata era fatta.
Sì, perché l’idea di un Vate metafisico, idea strisciante alla lettura del suo capolavoro, è lontana dalla realtà – Rilke, si desume dalla mostra, ha avuto diverse amanti, platoniche ma anche no. I poeti sono un po’ truffaldini: i primi mesi sono tutte suasioni in endecasillabo, e poi… dammi di qua, girati di là, ti farei questo e quello. Smile.
Nella mostra campeggia, e viene alquanto reclamizzata, una poesia erotica inedita, che alla sommaria lettura mi è sembrata dozzinale. Certo non paragonabile ai versi più famosi. Tanto che non l’ho trascritta. Un po’ me ne sono pentito. Anche se persino Parergon l’ha saltata, quindi non deve essere oggettivamente strabiliante.
Comunque, nel consigliarvi un pellegrinaggio a Duino in questi due weekend restanti (salve proroghe, la mostra termina domenica 21 ottobre), peraltro di bel tempo e dunque nel pieno splendore del castello, chiedo a chi andasse la cortesia di trascriverla/fotografarla e parteciparmela per studiarla un po’ più da vicino.

Annunci

7 Risposte

  1. Ho amato R. poeta. Venire a sapere che non e’ sempre etereo e’ stato uno shock, ma quando mi sono ripresa ho amato l’uomo dietro l’immagine.

    [R. sta per Rilke, naturalmente.]

  2. bob
    ti ho risposto di là
    buona domenica / P

  3. grazie per il resoconto…

    (io sul mio blog ho raccontato il pellegrinaggio sulla tomba:-))

    ..ma perché un “Vate metafisico” non dovrebbe conoscere l’erotismo?

    a me pare che le Elegie grondino di sensualità, come anche di spiritualità, senza alcuna contrapposizione..

  4. grazie a te, il tuo blog è molto interessante.
    Per carità non sarò io ad interdire i piaceri della carne ai Vati metafisici!
    È una diffusa sensazione di lettura che rende Rilke “metafisico”, e come tale su una dimensione diversa (non contrapposta) dall’erotismo, che è physis.
    Splendida prova ne è – a mio avviso – il dialogo con gli amanti della seconda elegia. O il flutto del sangue, il “trattienilo” della Terza.
    Sembra che Rilke, che sicuramente conosce queste tematiche, voglia cantarle sempre da un punto di vista esterno a sé, interrogando altri soggetti.
    Come tale la sua Natura umana si sublima, “vivendo/prendendo congedo” (direbbe Blanchot) dal suo carattere originario…

  5. per me sono emblematici anche gli ultimi versi della Decima, in cui alla “felicità come ascesi” si contrappone la felicità delle cose “felici” di cadere..

  6. in effetti la poetica delle elegie sembra svolgersi su due piani paralleli. Angelo – uomo.
    La posizione di Rilke mi sembra quella di un quid medium (forse in quanto poeta – anche etimologicamente – di questo universo): uomo, quindi soggetto alle leggi degli uomini, alla caduta felice. Ma anche persona che si pone su un piano diverso dall’uomo amante (che a sua volta è uomo), che lo interroga…

    grazie per insinuarmi questi dubbi che mi spingono a continue letture, revisioni, rimuginazioni… 🙂

  7. già.. interroga l’Uomo.. e interroga anche l’Angelo.. i piani si incontrano, si confondono, si fondono…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...