meanwhile…

ovvero, cosa succedeva di notevole prima durante ed immediatamente dopo lo stato euforico-catatonico indotto dalla famigerata lettura.


Venerdì
: concerto Solisti+Harmonia Cantata nella Chiesa di Santa Maria del Fiore, in occasione dell’apertura dell’ottavo congresso EFORT. Si replica il Gloria di lunedì. Tutto bene, ma il riverbero del Duomo (cinque secondi abbondanti) fa davvero sembrare Orsanmichele una sala di incisione!
Sabato durante la lettura: il XX Premio Letterario Chianti ha visto la larga vittoria del romanzo Il nome di Marina di Roselina Salemi. Complimenti alla vincitrice! Il mio candidato si è ovviamente classificato quinto su cinque, ma ve lo consiglio lo stesso assieme al libro del vincitore – essendo una lettura gradevole, da weekend.
Sabato dopo la lettura: mentre molti cantori si precipitavano all’assalto del teatro Comunale per Barenboim #1 (io andrò a Barenboim #3 il quattro luglio), ho preferito rilassarmi pochi metri più in là del Duomo, all’Auditorium di via Folco Portinari. Il "nostro" Lorenzo Fuoco, insieme agli altri elementi del Demidoff Ensemble, dava vita ad un programma cameristico con l’incantevole Geister Trio di LvB – pregevolissima la sua esecuzione – ed il Quintetto di Schumann. Libertango come bis. Entro in pizzeria con la canotta Paradiso 19: un cameriere proprio non capisce che ho fatto ("cioènchesènso"), un altro mi chiede se son lì per fare la questua. Ho troppa fame per infervorarmi. Pizza alla salsiccia e birrone defatigante, poi a nanna.
Domenica: sveglia presto per poi scoprire che la conferenza sul Genio Musicale a Firenze del 600-700 la fanno alle 11 anziché alle 10. Quando si attacca – in inglese – il tema di Coferati e della aggiunta del diesis nel canto fermo delle antifone ai salmi in Santa Maria del Fiore, a Cvt. parte una nevralgia "tematica". Raggiunti Giò e gli amici a pranzo, il resto della giornata lo impegniamo cercando di sottrarci ai 40 gradi fissi, assaltando le librerie ad aria condizionata
Ieri sera, infine: Alle Giubbe c’erano il prof. Aricò e Marco Severi (violoncello del Maggio) a dissertare su Wagner. Arrivo in leggero ritardo e mi trovo di fronte una marea umana. Musicofili, certo, ma mi sorge il dubbio che anche il buffet teutonico con birra a fiumi wurstel e crauti (tutto spolverato in due minuti e quaranta) abbia avuto la sua parte…

Annunci

2 Risposte

  1. Che meraviglia la vita in una grande città… anche se non mi lamento (ieri ho fatto una passeggiata fra boschi e ruscelli con il figlioccio^^).

    Piuttosto che tu sappia dei convegni sul genio fiorentino verranno pubblicati gli atti? Sperem!

    A presto carissimo

    yours

    MAURO

  2. devo proprio scrivere una mail al curatore del convegno perché mi tenga informato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...