una verità semplice

ah, la Nona! la sua – mai altezzosa – nobiltà mette tutti in pace con la musica sinfonica.

Dopo un avvio incerto, ho trovato l’incedere di J-Lo (Jesus Lopez-Cobos) piuttosto elegante. E sicuro nella individuazione agogica dei molti stringendo, in cui il dipanarsi della musica si contrae come un fazzoletto per passare attraverso un fermaglio.

Una cosa però: quei cinque (!) corni alla caffeina che facevano un fracasso. Anche nelle sezioni indebite, cioè non riservate a loro.
Ragazzi, i primi violini, nel primo movimento, devono suonare con tutto l’archetto. Altrimenti altro che "ordine dal caos", sembra una banda militare.
Annunci

8 Risposte

  1. Cinque corni?
    Ho visto Wagner impallidire…

    😉

    yours

    MAURO

    PS: sul finire del post sembri addirittura il Maestro Toscanini…^^

  2. il famoso “sembran dei carri”, eh?
    ora, a parte la tua violazione del secondo comandamento nell’equipararmi, pensavo anche io al Maestro: la spina dorsale della Nona secondo me è proprio la densità dello sviluppo affidata ai violini – direi agli archi in genere. Vanno un poco difesi dalle intrusioni volumetriche di altri reparti orchestrali.

  3. Quand’ero bambino e mio padre ascoltava la Nona, avevo paura, specie all’inizio.
    Ho dovuto aspettare Quirino Principe, qualche mese fa, per capire perchè…il famoso Re minore !
    Ciao, Bob 🙂

  4. (a margine di un tuo post di qualche tempo fa).
    È bello questo tuo richiamo ad una paura istintiva del re minore, quasi fosse il pugno del Petrus Boonekamp che invece era il mio babau personalissimo.

    Spesso si parla del re minore come tonalità di morte (Requiem di Mozart, Hey you dei Pink Floyd e tutto quello che sta in mezzo).
    Vi faccio notare che è anche una tonalità di “risveglio primordiale”.
    Esempio, la terza di Mahler in re minore. Da programma, il dio Pan (Natura) che si risveglia dal suo stagionale torpore.
    Certo, puoi obiettare, ci si risveglia dal nulla, dall’indistinto che alla fine della nostra vita ci riaccoglierà.
    Certo ipnòs kai thanatòs adelfòi etc. etc. etc.
    Però azzarderei che il “funebre” del re minore abbia spesso, nei compositori, un substrato intellettuale lievemente meno pessimistico di come generalmente viene inteso.

    Stasera mi ascolto Sibelius (sesta) e Dvorak (settima) per capirne di più.

  5. > È bello questo tuo richiamo ad una paura istintiva del re minore, quasi fosse il pugno del Petrus Boonekamp che invece era il mio babau personalissimo.

    io avevo paura di una pubblicità con Gianfranco d’Angelo, ma non mi ricordo cosa pubblicizzasse – so solo che come appariva i miei dovevano o cambiare canale o portarmi di peso in un’altra stanza perché mi mettevo a piangere…

  6. Il rem come relativo minore di Fa maggiore. I corni in fa suonano con pieno agio in questa tonalità, creando un alone sacrale, molto simile a quello del Mib maggiore.
    Molte “arie di tempesta” sono in Rem. La seconda aria della regina della notte è in Rem (in contrasto eppure in “comunione” con la marcia dei sacerdoti in Fa+). Non è solo morte, hai assolutamente ragione carissimo!

    La tua riflessione successiva poi, con tanto di esempi sinfonici, è davvero splendida. Prima o poi dovremo unire le forze e provare a costruire un post dedicato alle tonalità e alle costruzioni mentali che queste creano in noi.
    Ma l’atmosfera, il profumo, la paura che nasce dall’ascolto è innata oppure è frutto di secoli di tradizione musicale?
    Questa è un’altra bella domanda.

    Ah! Si, pensavo proprio ai carri, bob!

    ^__^

    Yours

    MAURO

  7. oggi ho appena scovato una delizia tonale riguardante mendelssohn, ne parleremo nei prossimi giorni – prima ho delle notizie importanti da commentare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...