legalize it! (pensieri)

La notizia era due giorni fa su Repubblica ed è stata appena ribattuta dalla solerte Elena: il Mozarteum di Salisburgo ha messo in rete, gratuitamente, tutte le partiture mozartiane.
Questo l’indirizzo, facile facile: dme.mozarteum.at.
Come per tutte le legalizzazioni, per accedere al catalogo dovrete accettare il disclaimer per cui vi obbligate ad un "uso personale"! smile.

Anche grazie a questa notizia, rifletto sul valore di internet. Man mano che il tempo passa ci avviciniamo alla deadline entro cui i gloriosi anni ’60-’70 della discografia classica decadranno nel loro copyright, vale a dire che saranno liberamente condivisibili, proprio come già in parte su karadar. A quel punto non ci sarà virtualmente più distinizione tra "valore interpretativo" di una lettura musicale e sua "attualità", dato che la qualità musicale sarà in tutti i casi ottima, in certi anche eccellente. E tutto questo sarà consultabile gratis e in tempo reale.
Data la non eternità neppure del supporto cd, la condivisione gratuita ed istantanea dei contenuti si pone come rimedio alla deperibilità dei mezzi di conservazione dei documenti.
Allo stesso tempo, un villaggio globale obbliga a ripensare il concetto di "collezione".
Almeno finché avrò i soldi per una adsl flat, prevalendo in me il fruitore sul collezionista, tutto questo mi conforta non poco.
Annunci

6 Risposte

  1. …e infatti già mi son scaricata tutto Apollo et Hyacinthus!!! Hurrah!!! 🙂

  2. *tutto* Apollo? Attenzione, è più della modica quantità!! 🙂

  3. e adesso mi sto scaricando tutto Davide penitente…con la speranza di convincere quelli del coro ad impararlo 😀

  4. Che meraviglia!
    Io mi scarico tutto Mozart!!!

    😉

    yours

    MAURO

  5. Questo blog è una bellissima sorpresa! Chiaro, ben organizzato e, soprattutto, senza fronzoli inutili ma con tante cose utili, una per tutte la tabellina Syndacate; Escape, Licensed,Technorati… davvero ganzissima 🙂
    Beh, grazie, grazie, grazie. Nella musica si trovano spesso delle deficienze irrimediabili (leggi il sito dei criticimusicali.it qui linkato) ma anche tanta intelligenza e buon gusto.
    Ciao, ciao,
    david (dadeluna)

  6. caro Daide, grazie dei complimenti. L’organizzazione nasce dalla esperienza, id est ahimé dalla vecchiaia!! Quindi anche la disorganizzazione ha i suoi bei vantaggi… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...