misericordias freundes

nemo iudex in re "sua"; ugualmente dico che il concerto di lunedì è stato bello. Ha fatto enorme piacere constatare come l’Auditorium di Via Portinari fosse stracolmo, ben oltre la sua capienza naturale, quanto mai in precedenza: e questo anche perché – intercettando varie conversazioni – "oh, ci sono I Solisti".
Per festeggiare la riuscita dell’evento ho già pronta dovizia di rarità multimediali che inserirò sulla homepage solistica quanto prima, forse domani stesso.
Il sottoscritto è rimasto prevedibilmente colpito dalla complessa freschezza del concerto per organo di Poulenc, che parte da un inizio forse un po’ troppo austero, di problematica coesistenza (non miscibilità) tra organo ed archi; ma poi si sviluppa mirabilmente e con punte di virtuosismo scrittoriale degne del miglior Stravinskij. Una composizione assolutamente da conoscere.
Credo che però l’acme esecutivo sia stato il dittico sacro mozartiano. Non più trittico, purtroppo, dacché il Miserere inizialmente previsto è stato sostituito da una bella esecuzione della Toccata e Fuga bachiana da parte di Libertucci.
Un Ave verum per molti aspetti "ideale", dalla agogica e dalla accentazione assai simili a quelle di uno dei più grandi specialisti in materia, Robert Shaw. Bravo il Coro Polifonico dell’Ente Cassa, brava Namaste se come credo c’eri anche tu!
Prima ancora, un Misericordias Domini (KV222) che mi stupisce per quell’inciso così simile alla cellula della Corale; e siamo con tutta probabilità intorno al 1775! Senza togliere nulla al grande LvB, inarrivabile maestro dello sviluppo tematico, è una parentela tematica evidente che sarà stata sicuramente indagata, o che merita di esserlo proprio come è stato fatto su altre pagine sinfoniche celebri
Annunci

9 Risposte

  1. ciao bob,
    bel commento, ricco, come sempre, di sfumature…
    di chi è la voce tenorile?
    [ ti aspetto da me, per commentare una poesia…erotica :-))) ]
    ciao
    mario

  2. Mizzica! Mentula! Poffarbacco… O qual recensio!
    Ma dove si fenomenizzò cotanto evento?
    Di grazia, dove?
    🙂

  3. Ciau…

    la tua immagine personale mi ha attirata sul tuo blog…suono il violino…

    siamo entrambi amanti del classico, mi fa piacere 🙂

    Se ti va, passa da me
    MiLE

  4. grazie della visita, bob
    ti ho risposto e ho pubblicato un post su Radu Lupu: mi piacerebbe sapere cosa pensi di questo interprete.
    Il mio commentino, ovviamente, non ha pretese: è solo la testimonianza di un ascoltatore appassionato. Nulla di più
    bye

  5. @Scic. Ma cribbio!
    (che partita incredibile)

  6. bè.. è una riprova che la musica ‘amatoriale’, quella che viene fatta fuori dalle sale canoniche e istituzionali… riesce ad essere altrettanto -se non addirittura ancora più – ricca di piaceri e suggestioni …

  7. megbr – beh, non chiamerei esattamente ‘amatoriale’ la musica fatta dai Solisti… 😉

  8. come sempre è una gioia leggerti, g*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...