Fiorenza ingrata

O captain! My captain!…fallen cold and dead. (W.Whitman)
mettiamola giù dura, che il tempo è tiranno: avete circa 120 ore per giungere a Firenze – sia toccata e fuga o lungo soggiorno, non importa – e visitare la mostra gratuita del Perugino. L’esposizione termina domenica 8 e si tiene nel meraviglioso cenacolo di Fuligno, vicinissimo alla stazione SMN.
Essa comprende una cinquantina di opere di cui 6 (più un disegno) del Nostro. E una imponente aggregazione critica di altri Maestri a lui collegati quali Pinturicchio (capito juventini?), lo Spagna, il Bachiacca, Gerino da Pistoia, ed altri ancora. Il percorso illustra l’impatto del Perugino sul movimento artistico in cinque fasi: la sua bottega umbra; quella fiorentina (dal 1472, stabile dal 1486); le sue opere; l’influsso fiorentino; l’influsso nel resto d’Italia.
Il rapporto del Perugino con Firenze è stato semplicemente terribile, e due esempi lo dimostrano.

Intanto la tremenda reazione del pubblico nel 1507, quando la sua Pala d’altare alla SS. Annunziata fu terminata, e che lo spinse dal disappunto a tornarsene in Umbria fino alla morte. Questa bellissima pala era composta fronte/retro da ben 8 dipinti (tutti del Perugino meno un Filippino Lippi), con ai lati il San Filippo Benizzi e la Santa Caterina d’Alessandria presenti in mostra. Ma nel 1566 i Frati Serviti pensarono bene di modificare la struttura architettonica, ponendovi al centro un gigantesco tabernacolo, e decurtando gran parte delle tele tra cui quelle summenzionate! Oggi peraltro nessuna delle tele è presente in SS.Annunziata, sparse come sono tra Roma, Altenburg, New York e depositi o collezioni private fiorentine…
Il secondo episodio è ancora più grottesco. Il meraviglioso Cenacolo, a causa delle rigide regole di clausura, fu scoperto solo nel 1843 e testé attribuito, "data la sua enorme bellezza", a… Raffaello, che di Perugino fu allievo!! Per molti anni l’equivoco si protrasse, e solo in epoche più recenti fu ristabilita la giusta attribuzione, che data l’opera intorno al 1480, pochi anni prima della chiamata in Vaticano per le Stanze.
Il gigantesco affresco lascia davvero senza fiato e rivela, assieme all’altro capolavoro assoluto custodito in loco, la Crocifissione con Madonna e San Girolamo, lo stato dell’arte di un Maestro tendente a ricercare una bellezza immediata – di qui, dalla sconvolgente purezza dei volti e dal dettaglio delle mani, l’equivoco raffaellita. La ricerca spaziale e prospettica – architettonica, naturale ed anche posturale – è in entrambe le tele notevole, e porta verso un punto di fuga paesaggistico (nel cenacolo, il flash-forward della preghiera al Getsemani) che peraltro manca di dimensionalità, quasi fosse una diapositiva temporale oppure onirica.
Ho sofferto nell’uscire e nel privarmi del volto perfetto di Tommaso, oppure di quelli di Giacomo Giuda e Simone, che guardano verso di noi quasi a simboleggiare le diverse simbiotiche componenti della natura umana: innocenza, corruzione, maturità.
Voi cercate di non perdervela, se proprio non ce la fate per domenica, potrete comunque ammirare il Cenacolo su prenotazione, telefonando al numero 055-212245.
Annunci

8 Risposte

  1. >Fiorenza ingrata

    per un nanosecondo ho pensato a un post anti-Cedolins, e mi chiedevo “poverina, perché???”…

  2. ovviamente quella del commento di prima ero io (cioè, mi pare ovvio, chi altri poteva capire fischi per fiaschi?). ciao!

  3. ma perché il cosetto lì di lato dice che ci sono 5 commenti e io ne riesco a leggere solo 2 (tra l’altro entrambi miei)?
    uff.

  4. (ecco. ora leggo solo l’ultimo che ho scritto. allegria!)

  5. provola provola provola

    (ora ne leggo 5 quando il contatore dice 8…)

  6. è che SplinTer (cit.) si è un po’ maionesizzato in the evening, e si è mangiato tre volte un mio Donottaviesco (=inutile) commento.

  7. “Oh Capitano…”

    -Sol questo.
    Che la notte avanza e la stanchezza qui dentro danza.

    E io ora madida m’addormento , le ciglia di sonno sfiorate qui:

    -Oh Capitano, MIO Capitano ,

    mio/mio/mi/m/mioo/mio/ MIO CAPITANO.

    …fino alla curva viola d’un orizzonte verticale.

    Bon nuit,

    Mulier

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...