se mi lasci ti arrovello

Angelo Foletto, su Repubblica di ieri (pag. 51) opera dei distinguo sulla performance di Riccardo Muti alla Scala coi Wiener. Timidi rilievi in una serata che "ha lasciato un ricordo che ha travolto il pubblico". Un Haydn "alato" nell’attacco, ma a volte "muscoloso", "impettito" o "riposato"; uno Skrijabin magnifico ed eccezionale per qualità sonora, ma senza quel carattere "ingenuamente visionario, dionisiaco e sulfureo" che è la ragion d’essere di una "arruffata" partitura. Infine un’ouverture da la Forza del destino di rara efficacia, "anche se il vibrante incantato cantabile e la luminosità italiana dei nostri violini ci mancava".
In parole povere un Muti illuminato ma lievemente didascalico, nel contesto di una interpretazione di grande spessore.
Il dato saliente mi sembra però a monte: il repertorio. Muti ne ha scelto uno molto più vicino ai suoi anni di Philadelphia – nei quali tra l’altro incise l’integrale sinfonica di Skrijabin. Allontanandosi così dagli anni scaligeri, almeno dagli ultimi anni scaligeri, in cui l’imperativo era piuttosto disseppellire Europe, Cherubini ed altre gemme. Con esiti a volte ragguardevoli, ma senza concedere granché al repertorio che bene o male lo ha reso quel direttore di livello che è oggi. E che spesso fa piacere riascoltare.
Ecco che pochi giorni dopo il breaking up Muti ti ritorna sul suo Skrijabin – e sarebbe potuto tornare egualmente bene su Richard Strauss, Prokofiev, Brahms. Chi lo aveva ormai bollato come direttore paralizzato dal suo "narcisismo archeologico", è servito. Per contro, la scena sembra quella di una ragazza che "si mette in tiro" per far rammaricare il suo ex, mentre prima, potendolo compiacere un po’ di più, prediligeva abiti casual. Finale algidamente sui nervi, in una storia senza colpe unilaterali, ma in cui tutti avrebbero potuto fare meglio.

Annunci

2 Risposte

  1. ciao scrivo sul sito happysadman.splinder.com

    ho trovato il tuo blog facendo ricerche su cioran ( mese di marzo 2005)
    ma ho anche trovato roba su Steve reich
    che amo molto ( in particolare Drumming) tanti saluti
    troutmaskreplicant

  2. ciao happysadman, grazie della citazione, mi abbottono al tuo blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...