trappole

nel mio zaino, tra libri iniziati macchina fotografica e taccuino per non perdersi neppure un vaneggiamento, c’è stato per molto tempo – cortesia di un mio dostoevskiano vicino d’ombrellone – un cd di Ippolitov-Ivanov.
Che non è l’equipaggio russo del K2, ma un compositore che sinceramente non conoscevo.
Binario parallelo ai più famosi “Cinque”, prosegue in quello che vuole essere l’oggetto dei questo post: la proposizione in forma orchestrale di melodie e temi popolari.
Nel suo caso, caucasici turchi georgiani etc.

Ivanov non è a mio giudizio un compositore interessante. Possiamo chiamarlo un compilatore, ma non è questo il punto. La sua musica non solo non apporta, ma addolcisce, annacqua l’asprezza vorrei dire genetica delle melodie popolari al confine eurasiatico.
Mi torna costantemente in mente il magistero compositivo di Bartok, che invece fa implodere i temi popolari, ovvero li ripropone ogni volta con una sempre maggiore espansione, aprendoli come una fisarmonica o un ventaglio (questo è un apparentamento d’immagine molto usato) ed inserendovi scale pentatoniche, modulazioni lidie doriche etc.
Pensate ad un ramo in primavera, la corteccia si spezza in più punti e prorompono le gemme.

Più difficile mi sembra capire se sia giusto introdurre un giudizio di valore su quella musica che fa uso di temi popolari, rispetto a quella che elabora “ex novo”.
Si rischia infatti, in maniera accusatoria o difensiva, di arrivare a giudizi come questo, che sinceramente mi sembrano provocazioni da loggionista, assolutamente acritiche e non so quanto fondate sull’analisi – restando in Bartok, del Concerto per violino o della Musica per archi celesta e percussione.
Il ricorso (termine volutamente generico per quantità e qualità) a temi popolari è sicuramente un portato anche di determinate ideologie ed antropologie, non solo musicali, che caratterizzano la storia della musica ma anche la musica nella storia.
La grandezza di un compositore deriva solo dal fatto d’ascolto. O dalle induzioni che ogni ascoltatore individualmente ricava.
Stavo dunque per cadere in un tranello.
Quello che poi spesso rende la musica classica elitaria e lontana nella sua percezione…

















Annunci

3 Risposte

  1. il mitico vecchino che mi faceva le domande su FEDOR!!!!!

  2. Grazie della visita al mio blog bob. Come avrai sentito è terribilmente muto. Ho provato ad arrangiarmi ma è tutto inutile. Non suonaaaaaaaaaaaaa. Aiutami. Un abbraccio

    Donatella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...