Maazel e Mendelssohn…

Maazel e Mendelssohn


ho ascoltato su Raiuno la Sinfonia Italiana di Felix Mendelssohn-Bartholdy diretta da Lorin Maazel al Senato, in occasione del concerto natalizio.
E’ stata una interpretazione tutto sommato positiva, caratteristicamente maazeliana nel bene e nel male: ottima cura del dettaglio, ottima misura, scarsa passionalità.
Il movimento che ne ha risentito di più è stato quello introduttivo, molto contenuto nei suoi slanci tematici, il secondo dei quali anticipa in qualche modo il Saltarello conclusivo – a mio parere una delle cose migliori, se ben interpretato, scritte da FM-B. Esso è stato eseguito con appena più trasporto e “fuoco”, ma mancava sempre qualcosa in termini di “italianità” convenzionale.
Più a suo agio Maazel s’è indubbiamente trovato nei due movimenti centrali che riportano più salde radici teutoniche: il rigoroso Andante con moto ed il pur languido Minuetto.
Buono il dettaglio tecnico esecutivo: promettenti i giovani orchestrali dell’Unione Europea.







Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...